Vi Aspettiamo a Reggio Emilia

Martedì, 23 Agosto 2016. In evidenza

nella nostra nuova Bottega

2, 3, 4 e 5 Settembre

abbiamo deciso di aspettarvi nella nostra nuova Bottega…

a Reggio Emilia in Via Guido da Castello 5

Sarà interamente dedicata a Voi Bottegaie e Bottegai…

Con un esposizione dedicata …

200 mt2 di Negozio allestito solo per voi.

Dove potrete vedere i video dei nostri produttori,

conoscere le loro storie, vedere le nuove collezioni

dal Madagascar e  dall’Indonesia.

Dove troverete risposte alle vostre domande,

dove potrete fare i vostri ordini.

E in più, per chi effettuerà l’ordine presso l’esposizione allestita

a Reggio Emilia, un + 5% di sconto… non perdetevi questa occasione.

Vi chiediamo di segnalarci la vostra visita così da organizzare al meglio

il tempo che vorremmo dedicare a ciascuno. 

Per appuntamento potete chiamare Sofia allo 0522 924211

o Teresa 3384683824 oppure mandare una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Ovviamente sarà un occasione per degustare prodotti tipici della nostra regione.

Buon rientro a tutti e speriamo di incontrarvi prestissimo

Brevissimo Aggiornamento dal Madagascar

Mercoledì, 22 Giugno 2016. In evidenza

Jean Emmanuel

mad3
Come forse ricordate nell’ultimaNewsletter vi abbiamo raccontato di Jean Emmanuel, il figlio di un nostro artigiano, che ha 11 anni ed un osteosarcoma.
Inizia in questi giorni il terzo ciclo di chemioterapia a cui seguirà, sembra inevitabile, l’amputazione di una gamba.
Sta comunque molto meglio e ha ricominciato a sorridere nonostante il dolore e la fatica della chemioterapia.
Ad oggi abbiamo raccolto 1500 euro, ne mancano ancora almeno 3000 per riuscire a completare tutta la cura, se qualcuno di voi o tra i vostri soci volesse sostenere questo microprogetto e aiutarci a regalare un futuro a Jean Emanuel ci farebbe davvero un grande regalo.

Le donazioni possono essere effettuate mediante:

Versamento sul c/c postale intestato a R.T.M. n. 14154421

Bonifico su c/c postale
IBAN:  IT58Q0760112800000014154421

Causale (per ciascuna delle modalità):
Erogazione liberale a favore di RTM ONG/ONLUS idonea – Jean Emmanuel

Tutte le donazioni a favore di RTM sono fiscalmente deducibili, essendo RTM una ONG/ONLUS ai sensi della legge 49/87 del D.L. 460/97, della legge 80/05.

David Bowie

Venerdì, 10 Giugno 2016. In evidenza

e i suoi mille volti

Vi chiederete cos'è questo strano titolo, cosa c'entra con noi David Bowie e perchè ne parliamo qui...

Abbiamo deciso di dedicargli una vetrina, con i suoi mille volti ci assomiglia.

E allora una vetrina fatta di specchi perchè lui come un camaleonte si trasforma e anche la nostra bottega ha voglia di essere nuova ogni giorno, di mostrare i suoi mille volti.

Un richiamo ai passanti perchè entrino a scoprirci.

dal Madagascar

Giovedì, 05 Maggio 2016. In evidenza, Madagascar

Non è la ricchezza che manca nel mondo, è la condivisione
(Proverbio cinese)

Sono tornata ieri sera dal Madagascar… ancora negli occhi emozioni, impressioni, pensieri…

Come ogni volta con l’anima colma di volti, con il cuore gonfio di gratitudine, con la mente che cerca di fissare i ricordi.

Voglia di raccontarvi la meraviglia di tante/i artigiani che con passione continuano a collaborare con noi, a contare su di noi e su ciascuno di voi.

Mondo Ravinala

Sabato, 02 Aprile 2016. In evidenza

cambia sede, ora è a Reggio Emilia in Via Guido da Castello 6/a

 

“Qualunque cosa sogni d’intraprendere, cominciala. L’audacia ha del genio, del potere, della magia. ”

 

GOETHE

 

E' primavera, tempo di cambiamenti, la natura si fa nuova... anche Ravinala si rinnova, uno spazio più grande, un luogo più adatto alle nostre esigenze, un negozio tutto da scoprire e a breve tantissime novità.

Il nostro negozio di Reggio Emilia cambia sede e da Martedì 5 Aprile ci troverete in Via Guido da Castello 6/a (ex Prenatal) Tel. 0522 1751784.

Vi aspettiamo a trovarci.

 

 

E

Francesco, Martina e Naomi

Lunedì, 26 Ottobre 2015. In evidenza, Madagascar

dal Madagascar

“Ciò che

l’occhio ha visto,

il cuore non dimentica”

(Proverbio malgascio)

 

e un giorno quasi per scherzo chiediamo ad un gruppetto di studenti: ma voi ve la sentireste di andare in Madagascar per realizzare dei microdocumentari sui produttori del commercio equo? 

dopo molte riflessioni e pensieri,

dopo essersi confrontati con i loro professori,

dopo aver chiuso gli occhi e sognato la terra rossa,

dopo aver annusato le spezie...

hanno deciso di partire. 

Sono in Madagascar da una quindicina di giorni... allegri, sorridenti, curiosi

mi hanno fatto pensare a questo proverbio del Madagascar... 

non credo scorderanno questo viaggio!

 

 

 

 

 

Ottone e Rame

Lunedì, 26 Ottobre 2015. In evidenza, Madagascar

i metalli preziosi di Rasolofo

Siamo ad Ambatolampy, sull'altopiano malgascio, vicino all'atelier di Madame Mino l'artigiana dell'alluminio riciclato dove lavora Monsier Rasolofo che recupera oggetti in ottone e rame, li fonde, li trasforma. Inizialmente cerca di vendere al mercato locale oggetti di uso comune ma non regge la concorrenza cinese con prezzi bassissimi. M.Rasolofo decide di provare a realizzare dei prodotti di bigiotteria e li vende al mercato ai turisti. Le entrate non sono sufficienti a coprire le spese quotidiane della sua famiglia di 7 persone. E' la stessa M.me Mino che lo incoraggia a presentare a Ravinala alcuni suoi articoli. La collaborazione con Ravinala inizia. Sono bracciali semplici ma di buona fattura, il codice 1831000 e 1831200.

Decidiamo di mettere in contatto con Monsieur Rasolofo un altro artigiano che in capitale lavora in battitura alluminio, rame, ottone ed altri metalli. Nascono così i nostri codici dal 1831001 al 1831205.

Le sue entrate familiari originate dalle vendite a Ravinala non sono oggi sufficienti a coprire tutte le spese quotidiane della famiglia ma può contare su ordini certi ed al giusto prezzo.

 

Collane nuove

Lunedì, 26 Ottobre 2015. In evidenza, Madagascar

ma artigiani “riciclati”!

 Le nostre nuove collane in pietra dura dal Madagascar vengono dall'intreccio di tre gruppi diversi di artigiani con i quali Ravinala collabora da tanti anni: 

il gruppo delle RICAMATRICI, la famiglia di Madame NIVO che lavora la pietra e le artigiane della SETA.

Con i primi due gruppi Ravinala collabora dal 1987, dalle origini del progetto malgascio, insieme nel corso degli anni abbiamo cercato di proporre ai nostri clienti nuovi campioni, nuovi stili ma sempre di ricamo e pietra stavamo parlando e la crisi non ci ha certamente aiutato nel continuare a mantenere alto l'ordine mensile agli artigiani. 10 anni fa siamo entrati in contatto con la realtà di Soatanana, un villaggetto dell'altopiano malgascio in cui una ONG italiana stava verificando la possibilità di coltivare gelsi per l'allevamento dei bachi da seta per la realizzazione di articoli in seta grezza e naturale. Dalla coltivazione dei gelsi di cui si cibano i bachi da seta, passando alla formazione delle donne del villaggio, oggi siamo arrivati alla produzione di una bellissima seta grezza.

Abbiamo portato le nostre ricamatrici ad una formazione specifica su nodi e sul montaggio delle collane, abbiamo spinto Madame Nivo a cercare nuove pietre dagli splendidi colori e caratteristiche uniche, abbiamo evaso un ordine di seta grezza alle artigiane di Soatanana. Ecco presentato il cuore delle nostre collane in pietra dura e filo di seta dai codici 1052110 al 1052115.

Come dice un proverbio del Madagascar: “Ny trano tsy vita irery” : “una casa non la si costruisce da soli”: insieme cerchiamo di garantire una entrata sicura al giusto prezzo ai nostri artigiani “riciclati”.

VENEZIA

Lunedì, 19 Ottobre 2015. In evidenza, Madagascar

con occhi nuovi

Un giorno di sole

una città meravigliosa

e gli occhi stupiti di chi non aveva mai nemmeno immaginato nulla di simile

 

Un esperienza strana, infinite domande, la meraviglia di chi scopre qualcosa di nuovo e di antico...

gli occhi meravigliati di chi costruisce Gondole in latta senza averle mai viste...

l'incredulità di chi non sperava di poterci salire...

Grazie Honorè con te abbiamo imparato a guardare Venezia con altri occhi!!!

e Grazie anche a te sconosciuto gondoliere perchè gli hai regalato un sogno!!!!

sulla legalità

Mercoledì, 17 Giugno 2015. In evidenza

dall'Equoagenda 2015

Commercio Equo e legalità… quando mi è stato chiesto di scrivere su questo tema mi sono chiesta a lungo  quale era l’aspetto che avrei dovuto privilegiare, da quale punto di vista affrontarlo… non so ancora se ho trovato la risposta.

Sono rientrata pochi giorni orsono dopo aver trascorso qualche giorno in Palestina e un mese in Madagascar…

due luoghi in cui è difficile anche soltanto pensare al tema della legalità.

La Palestina, coi suoi muri che servono a dividere, le comunità di nomadi beduini costretti a vivere in baracche, in un deserto di pietre, circondati di check-point. I sorrisi di donne velate, a testa alta, che insegnano ai bimbi dignità e libertà, e vivono “imprigionati” da strade che non possono percorrere, da pascoli cui non hanno accesso, da baracche senza acqua e senza luce… il termine legalità lì cambia significato.

Filano la lana, tessono tappeti, realizzano manufatti straordinari e il commercio equo è l’occasione per ridare stima e speranza a chi chiede soltanto libertà!

Il Madagascar e un governo che ancora non c’è, anni di poteri illegali, povertà che aumenta, bimbi privi di diritti, privi di futuro. Madri che non hanno: di che sfamare i loro figli, medicine, accesso all’acqua, madri che ogni giorno devono “inventarsi” la sopravvivenza… come parlare loro di legalità?

Eppure, tra le mani dei nostri artigiani, intrecciati ai fili di rafia, impastati all’avoha (fibra che serve a realizzare la carta Antaimoro) , sciolti con l’alluminio di vecchie pentole da riciclare, tessuti tra i fili di seta ci sono rispetto, coraggio, fiducia, speranza…

Non so se tutto questo è legalità ma so che permette alle persone di camminare a testa alta, di esprimere il proprio pensiero, di costruire libertà e futuro e solo così, insieme, potremo realizzare una società in cui la legalità diventi il fulcro attorno a cui costruire comunità, istituzioni, una società in cui i diritti e la giustizia siano davvero per tutti.

Un mondo altro in cui al nord come al sud non manchi mai la capacità: di tenere la testa alta davanti ai soprusi, di guardare negli occhi chi sfrutta e rende schiave le persone, di indignarsi quando qualcuno prevarica chi gli sta intorno, di combattere per la giustizia.

del futuro e dei sogni...

Venerdì, 12 Giugno 2015. In evidenza, Madagascar

La casa è dove si trova il cuore. 
Plinio il Vecchio

Durante il mio viaggio in Madagascar, una mattina presto sento bussare alla porta di casa e vado ad aprire… davanti a me Eleonore, la moglie di uno dei nostri artigiani alluvionati, un pancione da fine gravidanza e in mano un gioco per bimbi… apparentemente un pezzo di una fattoria… la casa. Le sorrido, mi sorride, la faccio entrare in casa e le offro un succo. All’improvviso scoppia in lacrime.

Cerco di calmarla, mi preoccupa, non riesce a parlare e non capisco cosa le sia successo. Hanno già 3 maschietti di 8, 5 e 3 anni. Aspettano la femmina che nascerà tra pochi giorni… la loro casa è stata travolta dal ciclone e attualmente sono ospiti dalla mamma di lui. La abbraccio e cerco di tranquillizzarla… lei sorride e piange.

Poi mi mostra questa piccola casa dei giochi e comincia a parlarmi dei suoi sogni.

 

GRAZIE - FISAORANA

Martedì, 19 Maggio 2015. In evidenza, Madagascar

Lettera arrivata dall'associazione Finiavana

18 Maggio 2015

ASSOCIAZIONE ARTIGIANI FINIAVANA TANA

Oggetto: RINGRAZIAMENTO

                                 Io, RABEARIVONY JEAN AIME, Presidente dell'Associazione Finiavana, al nome di tutti i soci, voglio fare i miei ringraziamenti a voi della RAVINALA-MADA, della RAVINALA-ITALIA, dell'ONG RTM, delle Botteghe e tutti gli amici che ci hanno dedicato un pensiero e ci hanno dato una mano per la grande emergenza che ha colpito gli artigiani durante i cicloni che sono passati in MADAGASCAR. Vediamo che non solo condividiamo lo stesso lavoro ma anche la stessa vita.

                                 Quando ci si divide il peso, tutte le cose sono più leggere, e questo è possibile solo per la moltitudine di mani che ci hanno aiutato per ridarci lo slancio dopo le tante perdite che abbiamo avuto (CASE, SEMENTI, ATTREZZATTURE). Noi speriamo di lasciare le difficoltà al passato per potere affrontare il lavoro e raggiungere l'obiettivo di sempre che è quello di uno sviluppo durevole. Grazie a tutti e a tutte per quello che avete fatto.

                                 Gesù disse: “Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. Che il Signore sia con voi.

Torna il sereno

Martedì, 19 Maggio 2015. In evidenza, Madagascar

“Non abbiamo bisogno della magia per cambiare il mondo: abbiamo già dentro di noi tutto il potere di cui abbiamo bisogno, abbiamo il potere di immaginare le cose migliori di quelle che sono.”

J.K. ROWLING

Avrei moltissime cose da raccontare di questo mio ultimo viaggio, ma come sapete siamo ancora sommersi dal trasloco, rimando quindi a tempi migliori … ma vorrei almeno darvi da subito un ritorno su quanto è stato fatto per i nostri artigiani colpiti dalle grosse alluvioni dei mesi scorsi.

Innanzitutto il nostro grazie per la meravigliosa generosità con cui ci avete supportati.

Sono stati raccolti 20.000 euro.

Ho visitato tutti gli artigiani, visto le condizioni delle loro case, delle famiglie.

Insieme a loro abbiamo deciso le priorità, guardato come rispondere ai bisogni di tutti.

I raccolti distrutti, le cose perdute con l’acqua, i bimbi ammalati, l’acqua potabile, case distrutte o fatiscenti,

attrezzi dispersi, atelier ormai inservibili….

Gente che non si è pianta addosso, che ha rimboccato le maniche e si è unita nella fatica per sostenere chi aveva davvero perso tutto. L’ennesima lezione di vita di questo popolo.

Nei primi giorni, come già vi avevamo raccontato, ci siamo dedicati alla cura…. Medicine, kit di potabilizzazione dell’acqua, interventi di emergenza veri e propri.

Poi defluite le acque si è fatta la conta dei danni. Non c’era più cibo, i prezzi alle stelle (come sempre succede dopo le catastrofi), un governo assente, persone che non sapevano da dove ricominciare, ma tanta voglia di riprendersi in mano il futuro.

Tra tutti vorrei raccontarvi del gruppo di Anosibe, artigiani che lavorano la latta, che vivono in un quartiere degradato della capitale, a fianco della discarica. Un quartiere dove le case, in affitto, sono fatte di terra e mattoni crudi, dove i tetti sono di foglie, dove non c’è acqua né luce. Un dedalo di viuzze dove si passa solo camminando di fianco, dove queste minuscole strade altro non sono che fogne a cielo aperto in cui giocano i bimbi.  Che senso può avere riparare queste case? 

Insieme a loro abbiamo riflettuto a lungo, cercato di capire se esistono alternative, come fare a rendere equo non solo il lavoro ma anche la vita quotidiana… poi un giorno mi hanno richiamato e mi hanno detto che uno di loro ha della terra in campagna, a una 30 di km dalla capitale e insieme andiamo a vederla.

È un terreno di collina, nella periferia del villaggio di Imeritsiatotsika, un luogo incantevole, pieno di luce, si affaccia sulle risaie.

Le donne vorrebbero trasferirsi lì, pensano a una vita più sana per i bimbi, migliore per tutti.

Abbiamo concordato che il terreno poteva essere sufficiente per tutti, il prezzo era basso, molti di loro avevano qualche risparmio e noi abbiamo messo il resto.

Noi forniamo loro tutti i materiali e loro costruiscono le case… La prima è in costruzione e dovrebbe essere finita a brevissimo.

Tra un paio di mesi sarà un bellissimo “quartiere” tutto abitato dalle famiglie degli artigiani della latta, in un villaggio dove c’è la scuola, un dispensario… un minuscolo quartiere con il proprio pozzo i bagni e le docce in comune , un quartiere dove l’aria è pulita e vicini ci sono i campi, un luogo dove ricominciare .

Sembra una magia invece tutto è stato possibile grazie al vostro aiuto prezioso, e alla capacità di immaginare un domani migliore!

Grazie davvero a tutti voi.

Richiesta di Aiuto

Venerdì, 13 Marzo 2015. In evidenza, Madagascar

“Quando piove divido il mio ombrello, se non ho l’ombrello, divido la pioggia.” (anonimo)

Carissimi tutti

Come forse avete avuto occasione di leggere in Madagascar, il 28 febbraio, c’è stata una grossa alluvione nella zona della capitale, c’è stato il crollo di una diga e molti quartieri poveri sono stati inondati come molti villaggi nei dintorni di Antananarivo.

Noi ci siamo subito attivati per sostenere i gruppi dei nostri artigiani che sono stati colpiti dall’alluvione, ma i problemi sono così tanti e gravi che da soli non ce la facciamo. Per questo abbiamo deciso di scrivervi.

Sede legale

  • Via Ritorni 3
    42122 Reggio nell'Emilia (RE)
  • cod. fiscale e part. Iva  01318270350 

Contatti

Seguici