8 Marzo 2017

Giovedì, 02 Marzo 2017. In evidenza

Festa della Donna

Yayoi Kusama

l’artista che vuole vivere per sempre

 

Una artista Giapponese,  tra le più famose al mondo.

Un artista strana, ossessiva geniale.

Una donna che ha conosciuto la violenza e la malattia.

Una donna che ha saputo imporsi e riscattarsi nonostante tutto.

Una donna che a 88 anni ha ancora entusiasmo ed energia.

Una Donna che amiamo.

Una ricetta con il benefico Zenzero

Giovedì, 02 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

Paccheri con seppioline, gamberetti e zucchine

Ingredienti x 4 persone:

360 gr di paccheri

250 gr di seppioline o polipetti

25 gr gamberi

1 cucchiaino di zenzero in polvere

3 zucchine

4 pomodori

Prezzemolo

Basilico

Olio evo

Sale e pepe macinato

7 FOTO

Preparazione

Scottare i pomodori per una decina di secondi in acqua bollente,

spelarli e tagliarli a tocchetti. Raccoglierli in una ciotola e condirli con olio,

pepe e zenzero. Lasciarli marinare per mezz’ora.

Pulire le seppioline e i gamberetti e cuocerli su una piastra ben calda. Taglia le seppioline a striscioline.

Unire ai pomodori seppioline, gamberi e le zucchine tagliate a fiammifero e aggiungere ancora un filo d’olio evo. Prima di scolare la pasta aggiungere un mezzo mestolino di acqua di cottura agli ingredienti preparati.

Cuocere i paccheri in acqua salata scolarli e condirli con gli ingredienti preparati.

Cospargere i paccheri con una manciata di prezzemolo e basilico tritato e servire.

 

Le Spezie

Giovedì, 02 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

del Madagascar

Sono all’incirca un centinaio i contadini che lavorano presso le cooperative sulla costa Est del Madagascar, e che coltivano le spezie per Ravinala.

Le loro coltivazioni si trovano precisamente a Vavatenina e a Fenerive Est, un villaggio e una cittadina 100 km a Nord di Tamatave.

Producono: vaniglia, cannella, pepe nero, pepe rosa, cardamomo, coriandolo, curcuma, peperoncino, zenzero, chiodi di garofano, noce moscata e anice stellato.

Grazie al progetto “equo & bio” realizzato in collaborazione tra RTM e Ravinala tutti i nostri produttori utilizzano tecniche Bio per la coltivazione. Purtroppo però la certificazione ha, per i piccoli produttori, dei costi non sostenibili e quindi questi prodotti che sono buoni e naturali non possono essere venduti con il marchio biologico.

Il progetto P.R.A.T.I.

Martedì, 28 Febbraio 2017. In evidenza, Indonesia

Il progetto recupero artigianato tradizionale indonesiano, acronimo P.R.A.T.I, ha inizio nel 2003 dopo gli attentati che a Bali fecero più di 200 morti provocando una grave crisi economica nell’isola con circa 1.500.000 di persone che rimasero senza lavoro.

Il nostro obiettivo era quello di sostenere piccoli gruppi di persone in difficoltà economiche a seguito della crisi e persone svantaggiate, cercando di sostenere piccole produzioni di artigianato tradizionale, secondo i principi del commercio equo e solidale.

In questi anni abbiamo aiutato a costruire 2 case laboratorio, 3 negozi per la vendita diretta.

Nel corso degli anni abbiamo consolidato i rapporti con diversi gruppi.

Oggi vi vogliamo presentare il gruppo Tirtana, un progetto che va avanti dal 2007.

“Tirtana” in indonesiano vuol dire “acqua sacra”. Ed è così che hanno scelto di chiamarsi i ragazzi che lavorano a questo progetto. Sono ragazzi disabili, prevalentemente colpiti da poliomielite.

Questi ragazzi/artiginai relizzano per Ravinala bigiotteria realizzata esclusivamente con metriali naturali.

Ma vi siete mai chiesti come funziona tutto questo sistema?

Ebbene, Enzo e Roberta, i nostri referenti per l’Indonesia ce lo hanno spiegato:

 

Grazie a tutte le Botteghe del mondo

Mercoledì, 22 Febbraio 2017. In evidenza

che sono passate a trovarci a Reggio Emilia

Davvero grazie a tutte e tutti... incontrarsi è sempre prezioso.

Sentire il vostro parere, raccontarci vicendevolmente e anche solo passare alcune ore tranquilli a chicchierare è davvero un dono che ci avete fatto.

Per soddisfare le molte richieste delle botteghe che non sono potute venire per altri impegni presi in precedenza, abbiamo pensato di prolungare la data dell'esposizione della nostra collezione Primavera Estate 2017 fino al 5 Marzo.

  Vi aspettiamo per mostrarvi le tante novità del Madagascar e dell’Indonesia  tra cui i bellissimi parei stampati a mano e i nuovi modelli di bigiotteria.

Contattateci per fissare un appuntamento, saremo felici di passare un po’ di tempo con voi, per mostrarvi le nostre cose, raccontarvi i nostri progetti e per sapere di più della vostra bottega.

Riassortimenti alimentari

Mercoledì, 22 Febbraio 2017. In evidenza

Riso, lenticchie, tisane, roibos, marmellate e goji

Sono arrivati i riassortimenti di tanti prodotti alimentari a disposizione per le Botteghe

Roibos e Tisane Ayurvediche profumate e salutari

buddha-notte-Ravinala

e ancora...

30 anni

Mercoledì, 15 Febbraio 2017. In evidenza, Madagascar

di Ravinala

30 anni. Un traguardo che forse non avevamo nemmeno accarezzato quella sera in San Girolamo in cui nacque Ravinala.

Ravinala è nata così, da un sogno di Alberto Rossi e Don Piergiorgio Gualdi, dal sogno di un gruppo di volontari appena rientrati dopo due anni i Madagascar e che non volevano tagliare quel filo sottile ma resistente che li legava a questo popolo, dalla disponibilità di un gruppo di genitori, di zii, di fratelli che volevano sostenere questi figli/fratelli/nipoti/amici  che volevano farsi ponte tra la nostra italia e quell’isola rossa che aveva ancorato cuori e menti.

“La nostra natura è nel movimento”  (Blaise Pascal)

Questa frase è un simbolo del nostro essere .

Da un lato Ravinala nasce come parte viva del movimento del commercio Equo e Solidale. Movimento di idee, di persone, di Botteghe che credono nel commercio Equo come strumento per costruire un mondo altro da questo. Un mondo e un economia a misura di uomo.

Dall’altro movimento  inteso come viaggio, come cammino, come andare verso… un cammino iniziato nel 1987 per costruire un ponte che da Ambositra (Madagascar) arrivasse fino a Reggio.

Un cammino che ci riserva sempre cose nuove, nuovi incontri… un cammino spesso impervio ma che porta in sé tutto l’entusiasmo di una vetta da raggiungere.

Vi invitiamo allora a venire a trovarci in Bottega, a scoprire i volti dei nostri artigiani, a toccare i loro oggetti, ad andare oltre e scoprire le loro storie.

Bottega 1

 foto dal Blog my morning travel

Fair Day

Sabato, 19 Novembre 2016. In evidenza

nelle nostre Botteghe del Mondo!

Il 25 Novembre si celebra la giornata del non acquisto in contrapposizione alla giornata del consumismo conosciuta come Black Friday, un giorno dedicato allo shopping della moderna felicità.


Abbiamo pensato di promuovere, nell’arco della giornata, un ora di non acquisto provando a decolonizzarci da un immaginario fatto solo di consumo e mercato.
Un ora di commercio difettoso, di libera obiezione dentro e fuori gli spazi commerciali:un ora per capire con i nostri clienti che l’unico X-FACTOR che ci interessa è quello solidale.
Un ora senza acquisto è anche un gesto politico è il nostro FAIR FRIDAY per scegliere tra quello che è giusto e non giusto e non tra quello che conviene e non conviene.
Per questo nella nostra bottega invitiamo tutti a venire tra le 17 e le 18 di venerdì 25 novembre a trovarci, a bere un tè con noi, ad assaggiare il nostro vin brulè, perché questo piccolo gesto diventi un occasione per fare sempre più della nostra Bottega un luogo di incontro e di relazione.

Ancora news

Martedì, 18 Ottobre 2016. In evidenza, Madagascar

da Jean Emanuelle

Per noi guarire non è solo prescrivere medicine e terapie,

ma lavorare insieme condividendo tutto in uno spirito di gioia e cooperazione.
(Patch Adams)

Oggi mi ha chiamato Jean Emmanuelle, allegro come solo un bambino può essere. Ci sono state complicazioni e hanno dovuto amputare anche il ginocchio. Mi si è stretto il cuore e non riuscivo a trattenere le lacrime… eppure lui era sereno, mi ha consolato, mi ha detto che sta bene e che tutto va per il meglio. Mi sono sentita così piccola, così incapace di avere fede nel futuro. Sentirlo ridere e dirmi di pubblicare la sua foto. Sentirlo scherzare sulla sua futura gamba di “plastica”,  sul fatto che potrà tornare a scuola… ho pensato che non è giusto, che il mondo è uno schifo, che non si può pensare al futuro dopo aver perso una gamba a 11 anni. Ma lui mi ha dato una grande lezione e mi ha detto che è un ragazzino fortunato. Ha una famiglia che gli sta vicina, e noi che lo aiutiamo e tante persone che pregano per lui.

Ho pensato che questo ragazzino un futuro lo ha davvero, ha grinta ed entusiasmo, è capace di arrivare all’essenza delle cose. Mi ha regalato sogni e allegria.

Il cammino è ancora lungo e la strada è in salita, ma so che ce la farà. Affronterà di nuovo la chemio, la riabilitazione, la protesi ma la felicità che ha dentro e la sua capacità di credere e sperare nel futuro saranno la migliore medicina.

Grazie a voi, a tutti coloro che stanno contribuendo al suo percorso, a tutti coloro che lo ricordano… 

m.teresa

Se v'è per l'umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l'uomo.   (Maria Montessori)

Aggiornamenti dal Madagascar

Lunedì, 10 Ottobre 2016. In evidenza, Madagascar

Jean Emmanuel

Ciao a Tutti

Un breve aggiornamento su Jean Emmanuelle.

Martedì 5 Ottobre  gli è stata amputata la gamba. Fortunatamente, grazie alla chemioterapia si è riusciti a salvargli l’articolazione del ginocchio e questo renderà più semplice il percorso di riabilitazione.

Sembra assurdo dover essere contenti di un amputazione, la situazione era così difficile e a rischio per la sua stessa vita che oggi possiamo solo gioire di tutto ciò.

Jean Emmanuelle sta bene, ad oggi sembrano anche scongiurate infezioni che potrebbero rendere difficile la ripresa. Il piccolo sta bene e per quanto è possibile sereno. Da alcune settimane è seguito anche da uno psicologo che lo sta aiutando a metabolizzare la situazione. Nelle prossime settimane dovrà affrontare ancora alcuni cicli di Chemio e poi si potrà procedere alla realizzazione della protesi e alla riabilitazione.

Vogliamo ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuto in questo periodo per poter garantire un futuro a Jean Emmanuelle. Abbiamo anche provveduto a ricomprare per la sua famiglia pollame e sementi per garantirgli un alimentazione adeguata. La sua mamma, con cui ho parlato anche ieri al telefono , non fa che ringraziare e commuoversi perché questo figlio che temeva perduto è tornato in vita.

Il commercio equo è anche questo: essere parte di una stessa famiglia.

ps non ci sentiamo di pubblicare una foto del piccolo quindi pubblichiamo una foto della zona in cui vive.

Sede legale

  • Via Ritorni 3
    42122 Reggio nell'Emilia (RE)
  • cod. fiscale e part. Iva  01318270350 

Contatti

Seguici