Notizie

30 anni di Ravinala

Venerdì, 07 Luglio 2017. In evidenza

vorremmo avervi con noi!!!

logo ravinala40-10rid

INVITO

Come vi abbiamo già anticipato 1,2,3 e 4 Settembre Vi aspettiamo a Reggio Emilia

In Via Guido da Castello 6/a dove sarà allestito uno show room tutto dedicato alle Botteghe. Con noi avremo anche Loom con le sue bellissime sciarpe del Vietnam e Vagamondi con tute le news dallo Sri Lanka e dove potrete effettuare i vostri ordini o anche semplicemente toccare con mano i nostri prodotti e scoprire tutte le novità.

Dove ci sarà tempo e occasione per chiacchierare, per raccontarvi dei nostri 30 anni, dei nostri artigiani, delle cose che stiamo facendo in Madagascar e in Indonesia.

Ravinala compie 30 anni, è un momento importante, un punto di arrivo ma anche un punto di ripartenza e vogliamo condividerlo con voi.

A chi effettuerà un ordine, in occasione dell’evento, verrà applicato un ulteriore 5% di sconto e anche solo per chi partecipa e viene a trovarci ci sarà un piccolo dono per farvi conoscere meglio la nostra terra.

Vi aspettiamo numerosi . Per appuntamento scrivete o chiamate Elisa o Sofia  Tel.0522.924211 Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

TOLOTRA

Venerdì, 04 Agosto 2017. In evidenza, Madagascar

Gli amici condividono tutte le cose. (Pitagora)

RAFANOMAZANTSOA Santatriniaina Tolotra, aveva 19 anni, frequentava l'ultimo anno del Liceo, era il figlio maggiore di Jean Claude, uno dei nostri artigiani della Latta, un amico, parte della nostra grande famiglia. Ieri ci hanno chiamato per condividere con noi questo momento di dolore, la fatica di due genitori di perdere un figlio, l'impotenza di non essere riusciti a trovare il modo per salvarlo. Ci hanno chiamato per condividere con noi la gioia di averlo avuto e la certezza che ora lui andrà nel regno degli antenati.

Aveva 19 anni soltanto e una grande voglia di cambiare le cose... studiava per questo.

Aveva 19 anni e gli occhi che sapevano sorridere. 

Vogliamo ricordarlo così, con questa poesia africana:

 

Coloro che sono morti

non sono mai partiti

Essi sono nell’ombra che infittisce

I morti non sono sotto

La terra

Sono nell’albero che freme

Sono nel bosco che geme

Sono nell’acqua che scorre

Sono nell’aria che dorme

Sono nelle capanne,

sono nella folla

I morti non sono morti

                            (birago diop – africa)

Tempo di vacanze

Martedì, 04 Luglio 2017. In evidenza, Indonesia, Madagascar

ed ecco qui tante idee

Il caldo è a tratti soffocante…  Tutti stiamo già progettando le vacanze, voglia di partire, di sole, di mare, di passeggiate sulla spiaggia o arrampicati sui sentieri delle nostre montagne. Cappelli e borse per la spiaggia o per i vostri PicNic ecco le borse e i cappelli realizzati da un gruppo di donne nel villaggio di Behenji sulla route N7 in Madagascar.

In viaggio

Sabato, 06 Maggio 2017. In evidenza, Madagascar

pensieri ed emozioni

Io vedo che, quando allargo le braccia, i muri cadono.                                                                                                     Accoglienza vuol dire costruire dei ponti e non dei muri.


(Don Andrea Gallo)

 

E’ sempre molto difficile trovare le parole per narrarvi il nostro Madagascar.

Ogni volta è un po’ come tornare a casa.                                             Ritrovi  volti amici, bimbi che crescono,

mamme che hanno voglia di raccontarti… e tutti, ogni artigiano, ogni contadino, la nostra equipe ti rovescia addosso i mesi passati.

E’ un viaggio intenso questo, un viaggio di emozioni speciali.

 

MPANJAKA

Lunedì, 10 Aprile 2017. In evidenza, Madagascar

Un vecchio capo di un villaggio Zafimaniry

Il giovane cammina più veloce dell’anziano, ma l’anziano conosce la strada (proverbio malgascio)


L' anziano Mpanjaka del villaggio Zafimaniry ci ha raccontato una storia.

 

Il mattino dopo

Mercoledì, 05 Aprile 2017. In evidenza

Mostra fotografica sul terremoto in centro Italia

Dal 7 Aprile e fino al 3 Maggio, venite a vederla in Bottega a Reggio Emilia!

dal 5 Maggio al 4 Giugno 2017 in Bottega Corto Maltese a Modena!

Vi aspettiamo. Per non dimenticare...

foto2

Materia Critica

Venerdì, 17 Marzo 2017. In evidenza

Ve li vogliamo presentare

Sono entrati nella nostra famiglia, sono giovani, bravi, stakanovisti e anche simpatici. E vogliamo farveli conoscere!

L’anno scorso sono andati in Madagascar a scoprire e documentare il lavoro dei nostri artigiani. Adesso continuano a lavorare con noi, nella creazione dei contenuti multimediali, della comunicazione, di tutti i nuovi materiali informativi.

qui la loro pagina Facebook seguiteli

Qui il loro sito

Intarsio, testimonianza dai nostri artigiani

Mercoledì, 15 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

le parole di Philbertine

La lavorazione del legno e la pratica dell’’intarsio ad Amboistra sono una tradizione.

Questo mestiere ha permesso a questa famiglia di crescere negli anni. Sono loro che custodiscono i segreti delle tecniche dell’intarsio.

La nostra artigiana Philbertine, della cooperativa Fiavotana  ce lo spiega qui:

"Noi facciamo lavori di intarsio. Questo lavoro, è stato il nonno di mio marito ad averlo iniziato per primo qua ad Ambositra. Sono già passati 80-90 anni da quando iniziò questo lavoro. Erano in due a fare questo lavoro: Raminandravola che veniva da Andrefantsena e lui. Erano i primi a fare intarsio ad Ambositra. Successivamente, i figli hanno ripreso il testimone. Io ho 10 figli: di questi 6 maschi che fanno tutti intarsio, anche i mariti delle mie figlie fanno quasi tutti intarsio. Tutto il lavoro che facciamo è stato trasmesso dal sapere dei primi che l'hanno iniziato, non abbiamo avuto nessuna formazione da fuori.

Per quanto riguarda il mercato, prima andava molto bene. Durante la prima repubblica, il presidente ci faceva direttamente gli ordini per spedirli all'estero. Dopo, siamo andati a vendere I nostri prodotti ad Antananarivo. Qualcuno di questi veniva poi spedita all'estero. Poi dei clienti venivano da noi a fare gli ordini direttamente. Adesso, abbiamo anche l'associazione Fiavotana, e quindi Ravinala che gestisce direttamente gli ordini. Questo lavoro è quello che ci ha permesso di vivere in tutti questi anni. Adesso, andiamo meno bene, i prezzi delle materie prime aumentano sempre, poi adesso ci sono problemi con il legno, ci sono tante restrizioni sul legno non possiamo usare tutti i tipi di legno. Adesso non abbiamo più cosi tanto lavoro.

Solo Grazie a Ravinala continuiamo ad avere ordini e lavoro... ma ne servirebbe di più."

 

Gli artigiani del Legno

Venerdì, 10 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

dall'altopiano alla foresta...

 

Il mese di Marzo lo dedichiamo alla scoperta della filiera del legno. Insieme scopriremo gli artigiani, le lavorazioni, i prodotti e molto altro. Rimanete connessi!

Sono circa cinquanta gli artigiani che, con le loro famiglie, lavorano il legno.

Circa trenta di questi vivono ad Ambositra, una cittadina 250 km a Sud della capitale.

Alcuni realizzano bauli e scatole in legno decorati tramite la tecnica dell’intarsio.

Altri invece sono scultori, così realizzano presepi e sculture varie.

A lavorare nella filiera del legno, ci sono anche circa trenta scultori Zamifaniry, i quali vivono a circa dodici ore di cammino da Ambositra, nei pressi della foresta.

Gli artigiani della popolazione Zafimaniry (patrimonio UNESCO) sono rinomati per la capacità nel realizzare incisioni.

Per Ravinala realizzano cassapanche, sedie, ciotole e vassoi. Altri invece sono scultori che realizzano presepi e sculture varie.

 

Nuova identità grafica per : @ravinala

Prodotto: Legno | Ambositra | Madagascar

Foto di: @materiacritica

 

Ravinala Madagascar

Lunedì, 06 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

I nostri principali collaboratori

HERY (da un’intervista)

Il mio nome è Rakotosamimanana Hery Fidy, sono sposato e ho due figlie. Abito a Tongarivo vicino alla casa dei volontari. Mia moglie si chiama Ihary, le mie figlie Sitraka e Mirantsoa.

Lavoro alla Ravinala, faccio tanti lavori, faccio il magazziniere, l'aiuto magazziniere, il corriere, il responsabile qualità, l’autista… insomma un pò di tutto. Mi piace molto perchè è un ambiente molto pieno di incontri e stimoli. Mi diverto quando ci sono dei Vazaha ( bianchi) da portare in giro.

Villaggio Zafimaniry

Venerdì, 10 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

ai confini della foresta

La Regione Zafimaniry è situata al Centro-Est del Madagascar e appartiene alla " Préfecture "d'Ambositra.

In questa regione vive in simbiosi con la natura il popolo Zafimaniry (“Figli di quelli che desiderano”) composto da circa 25.000 persone.

Popolo dedito alla scultura e alla lavorazione del legno, nel 2003 l’UNESCO ha dichiarato il popolo e l’arte Zafimaniry Patrimonio culturale dell’umanità.

La decorazione del legno è la rappresentazione del loro universo, delle relazioni sociali, del rapporto con la natura e, attraverso l’intermediazione dei defunti, con l’al di là. Si tratta di codici sociali che invitano ogni membro a vivere la solidarietà comunitaria. La vendita di artigianato di legno rappresenta la maggior fonte di reddito per le famiglie Zafimaniry, anche se è da sempre secondaria rispetto all’agricoltura di sussistenza, all’allevamento, alla piscicoltura e all’apicoltura, i cui prodotti sono destinati principalmente all’autoconsumo. I guadagni della vendita di artigianato permettono alle famiglie di acquistare i prodotti di prima necessità (sale, olio, zucchero) e oggi anche i legni pregiati sempre più difficili da trovare nelle foreste circostanti i villaggi .

La speculazione del palissandro

Attualmente, a causa soprattutto dei prelievi sconsiderati da parte di speculatori stranieri e della tecnica del “taglia e brucia” per la messa a coltura di nuove terre, l’anima creativa degli Zafimaniry è seriamente minacciata, come il futuro del nobile palissandro. Le piante madri di grosse dimensioni sono sempre più rare e la crescita delle giovani è lentissima. Gli artigiani/artisti sono costretti a percorrere decine di chilometri a piedi per approvvigionarsi del legno. Secondo alcune stime, al ritmo attuale di disboscamento basterebbero non più di dieci anni per portare ad estinzione questo albero.

Inoltre, vista la precarietà della loro situazione economica, la trasmissione “dell’arte Zafimaniry” è minacciata dall’esodo massiccio dei giovani, alla ricerca di migliori opportunità.

Una ricetta con il benefico Zenzero

Giovedì, 02 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

Paccheri con seppioline, gamberetti e zucchine

Ingredienti x 4 persone:

360 gr di paccheri

250 gr di seppioline o polipetti

25 gr gamberi

1 cucchiaino di zenzero in polvere

3 zucchine

4 pomodori

Prezzemolo

Basilico

Olio evo

Sale e pepe macinato

7 FOTO

Preparazione

Scottare i pomodori per una decina di secondi in acqua bollente,

spelarli e tagliarli a tocchetti. Raccoglierli in una ciotola e condirli con olio,

pepe e zenzero. Lasciarli marinare per mezz’ora.

Pulire le seppioline e i gamberetti e cuocerli su una piastra ben calda. Taglia le seppioline a striscioline.

Unire ai pomodori seppioline, gamberi e le zucchine tagliate a fiammifero e aggiungere ancora un filo d’olio evo. Prima di scolare la pasta aggiungere un mezzo mestolino di acqua di cottura agli ingredienti preparati.

Cuocere i paccheri in acqua salata scolarli e condirli con gli ingredienti preparati.

Cospargere i paccheri con una manciata di prezzemolo e basilico tritato e servire.

 

Le Spezie

Giovedì, 02 Marzo 2017. In evidenza, Madagascar

del Madagascar

Sono all’incirca un centinaio i contadini che lavorano presso le cooperative sulla costa Est del Madagascar, e che coltivano le spezie per Ravinala.

Le loro coltivazioni si trovano precisamente a Vavatenina e a Fenerive Est, un villaggio e una cittadina 100 km a Nord di Tamatave.

Producono: vaniglia, cannella, pepe nero, pepe rosa, cardamomo, coriandolo, curcuma, peperoncino, zenzero, chiodi di garofano, noce moscata e anice stellato.

Grazie al progetto “equo & bio” realizzato in collaborazione tra RTM e Ravinala tutti i nostri produttori utilizzano tecniche Bio per la coltivazione. Purtroppo però la certificazione ha, per i piccoli produttori, dei costi non sostenibili e quindi questi prodotti che sono buoni e naturali non possono essere venduti con il marchio biologico.